Logo Fiadda.it


Si al coordinamento tra associazioni e Ferrovie dello Stato. Fiadda: importante agevolare la comunicazione

In occasione dell’inaugurazione della Sala Blu alla stazione centrale di Milano, le associazioni di persone con disabilità hanno incontrato l’Amministratore Delegato delle Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti per fare il punto della situazione ed individuare gli obiettivi da consolidare ed implementare: coordinamento, estensione dei servizi ai livelli regionali e locali, snellimento della burocrazia, agevolazione della comunicazione, attenzione alle disabilità sensoriali. E proprio su questo tema si è incentrato l’intervento del Presidente Nazionale Antonio Cotura coadiuvato da Valeria Cotura (Consigliere Fiadda Roma), Martina Gerosa, Laura Arcanà ed Alessandro Impastato che hanno partecipato  all'evento pubblico.

 

Antonio Cotura ha ripreso, nel suo intervento, alcuni temi chiave per una efficace inclusione delle persone sorde: formazione del personale, abbattimento delle barriere sensoriali, investimento sulla nuova tecnologia.

La formazione del personale FS nelle relazioni con le persone sorde, con disabilità sensoriali e con la clientela in genere è un elemento importante, innovativo e non oneroso”. Così Cotura evidenzia l'importanza di adottare il "decalogo" dei comportamenti da assumere per agevolare la comunicazione con le persone sorde, condiviso tempo addietro anche con FS. L’adozione, ad esempio, di alcuni accorgimenti rappresenta indirettamente un investimento a lungo termine sulla conoscenza e sui comportamenti nei confronti della sordità che conseguentemente favorirà una progettazione inclusiva, che offra cioè delle soluzioni in grado di permettere alle persone con disabilità uditiva di usufruire di tutti i servizi messi a disposizione della generalità dei viaggiatori. Insomma, bene la segnaletica e i pannelli elettronici (che debbono essere costantemente aggiornati) ma serve investire anche sulla reciproca conoscenza e su un maggiore livello di attenzione verso queste relazioni.

Cotura ha inoltre evidenziato il ruolo fondamentale che giocano le nuove tecnologie: “La comunicazione deve viaggiare su tante altre opportunità tecnologiche che oggi sono alla portata di tutti nella quotidianità, in modo semplice. Ad esempio, un numero verde, per una persona sorda, è un termine inesistente, è necessario quindi che le FS e le strutture pubbliche in generale, si attrezzino a loro volta per interagire attraverso la strumentazione tecnologica che le persone sorde già adoperano per comunicare".

Ed un buon esempio di quanto espresso viene proprio dal servizio di stenotipia fornito per questo incontro. 

 

Per completezza, riportiamo di seguito il comunicato stampa della Fish a riguardo.

Viaggiare in treno: le istanze FISH

 

L’occasione è quella dell’inaugurazione (oggi) della Sala Blu presso la Stazione di Milano Centrale, a cui è stata formalmente invitata anche la Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap, il che lascia presumere una rinnovata attenzione verso gli utenti con disabilità.

La presenza dell’amministratore delegato di Ferrovie dello Stato Italiane SpA, Mauro Moretti, ha offerto l’opportunità alla FISH di ribadire la necessità di un più stretto confronto tecnico ed organizzativo, ma soprattutto di presentare un articolato documento sul trasporto ferroviario.

Il documento presenta motivate raccomandazioni sull’accessibilità e la fruibilità delle stazioni e delle carrozze, ma coglie anche l’importanza di alcuni fattori di sistema come l’adeguata formazione del personale e la centralità dell’informazione (raggiungibile, comprensibile, accessibile, tempestiva) agli utenti a cui dovrebbero essere garantite da un lato un’assistenza adeguata, dall’altro il massimo dell’autonomia possibile.

“L’accessibilità e la fruibilità globale del sistema di trasporto ferroviario – suggerisce Pietro Barbieri, presidente FISH – sono aspetti trasversali nell’organizzazione dei servizi e nella gestione degli impianti. Abbiamo suggerito l’adozione di un disability manager che possa svolgere dall’interno dell’azienda una riconosciuta e qualificata regia su questi aspetti, per superare le frammentazioni e per garantire una attuazione coerente alle scelte di inclusione e di pari opportunità”.

24 ottobre 2011

 

 

Alcuni accorgimenti per abbattere le barriere della comunicazione: scarica il decalogo Fiadda

(tag fiadda) 25/10/2011
Fiadda onlus | Via del Labaro 175 - 00188 Roma | tel/fax 06 45492150 | sms 331 9416873 | Codice Fiscale 95012690103
Sviluppatore: Luciano Ferraro - Area Privata