Logo Fiadda.it


Diritti dell’infanzia: terminato l’esame dell’Italia

bambiniIl Comitato ONU incaricato di monitorare l'attuazione della Convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza ha terminato l'esame dell'Italia dove è stata data particolare attenzione la questione dell’accesso all’istruzione dei bambini e adolescenti con disabilità. Questi i primi risultati, in attesa di sapere quali saranno le questioni aperte da risolvere al più presto. 

 

 

 

 

Fonte: www.gruppocrc.net - L’esame dell’Italia è terminato lo scorso 20 settembre, giorno in cui si è svolta la Sessione, incontro pubblico tra i membri del Comitato ONU ed i rappresentanti del Governo del nostro paese. A guidare la delegazione governativa il Sen. Carlo Giovanardi – Sottosegretario del Dipartimento per le Politiche della famiglia.

Il Gruppo CRC, impegnato dal 2001 nel monitoraggio dell’attuazione della Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza (Convention on the Rights of the Child - CRC) ha seguito attivamente l’esame dell’Italia, partecipando alla pre – sessione (incontro a porte chiuse utile a definire le liste di questioni prioritarie (list of issues) sulle quali lo Stato italiano viene chiamato a rispondere), e alla Sessione di settembre - in qualità di Osservatore.

Il Gruppo CRC aveva inviato a Ginevra il 2° Rapporto Supplementare nel 2010, nel quale sono state approfondite le principali questioni relative all’infanzia e all’adolescenza in Italia, a seguito della pubblicazione del Terzo - Quarto Rapporto Governativo.

In vista della pre-sessione ed in occasione dell’anniversario della ratifica da parte dell’Italia della CRC, il Gruppo CRC ha pubblicato delle Schede di aggiornamento al 2° Rapporto Supplementare inviate ai membri del Comitato ONU all’inizio di giugno.

Durante la pre- sessione, la delegazione del Gruppo CRC ha risposto alle domande e richieste di informazioni da parte del Comitato ONU sulla situazione dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia e sulle politiche ed i provvedimenti legislativi in atto.

A seguito dell’incontro con il Gruppo CRC, il Comitato ha reso pubblica la list of issues ed il Governo italiano ha risposto per iscritto (written replies) nell’agosto 2011.

Scarica la List of issues e le Risposte scritte del Governo.

Durante la Sessione, la delegazione governativa ha risposta alle numerose domande rispetto all’implementazione ed il rispetto della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia.

Tra le questioni sollevate dei membri del Comitato ONU si segnalano la preoccupazione per il taglio alle risorse dedicate all’infanzia e all’adolescenza, il ritardo nell’identificazione dei "Livelli Essenziali di Prestazioni concernenti i Diritti Civili e Sociali delle persone” (LEP), la discriminazione su base regionale, l’incremento della povertà minorile e della dispersione scolastica, la situazione dei minori stranieri e l’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati, la questione dell’accesso all’istruzione dei bambini e adolescenti con disabilità, la condizione degli edifici scolastici. Inoltre il Comitato Onu ha chiesto chiarimenti in merito alla nomina del Garante nazionale per l’Infanzia e l’Adolescenza e dei Garanti regionali, la discriminazione dei minori rom, sinti e camminanti e il funzionamento del sistema di giustizia minorile.

Per sapere quali saranno le questioni ancora “aperte” e da risolvere per garantire a tutti i bambini, le bambine e gli adolescenti il pieno esercizio dei propri Diritti, si attendono le Osservazioni Conclusive, che il Comitato ONU dovrebbe rendere pubbliche ad ottobre.

 

Per approfondire questo tema e saperne di più, leggi questa notizia sul sito del Gruppo CRC 


(tag convenzione onu | istruzione | diritti) 30/09/2011
Fiadda onlus | Via del Labaro 175 - 00188 Roma | tel/fax 06 45492150 | sms 331 9416873 | Codice Fiscale 95012690103
Sviluppatore: Luciano Ferraro - Area Privata