Logo Fiadda.it


Giovannini, l’uomo del Benessere equo e sostenibile

numeriCome presidente dell’Istat il neo ministro del Lavoro e delle Politiche sociali ha promosso l’indice sul Benessere equo e sostenibile che dovrebbe sostituire il Pil come indicatore. Nel suo nuovo ruolo potrà continuare lo sviluppo di ciò che ha iniziato e sperimentare le forme di un nuovo welfare


Così Giovannini ha spiegato la necessita del Bes: “La costruzione di un sistema di misurazione del benessere appare, infatti, necessario a guidare l’azione  politica verso obiettivi ampi che tengano conto della complessità delle condizioni di vita dei cittadini. Esso appare tanto più importante per fronteggiare la crisi economica in quanto permette di monitorarne gli effetti  da diversi punti di vista. Seguendo le raccomandazioni della Commissione Stiglitz-Sen Fitoussi,un’analisi  della performance economica che non si limiti a valutare la crescita in termini di Pil, ma che consideri anche il reddito disponibile, i consumi, la ricchezza e i risparmi offre un quadro più dettagliato delle condizioni di vita dei cittadini, il quale, a prescindere dalla congiuntura, può dipendere fortemente da quanto accumulato negli anni o dall’entità dei trasferimenti pubblici, in denaro e in servizi. Senza nulla togliere alla necessità di far fronte alla crisi cercando di incidere sulla produzione, gli strumenti di policy possono essere affinati guardando come i cittadini si differenziano rispetto ad altri aspetti del benessere materiale. Il ruolo della redistribuzione e dei trasferimenti è spesso più rilevante nell’affrontare la condizione di povertà che non la crescita tout court. Un buon esempio è rappresentato dai tassi di povertà o esclusione sociale che, se misurati prima dei trasferimenti pubblici, in Italia sono più bassi della media europea. Dopo i trasferimenti, invece, i tassi in Italia scendono di solo cinque punti a fronte degli otto di Spagna e Germania e dei dieci di Belgio, Danimarca e Francia, facendo scendere la posizione dell’Italia al di sotto della media europea. Appare chiaro come il benessere economico dei cittadini e la performance economica del nostro sistema dipendano in buona parte dall’efficacia delle politiche redistributive e di contrasto alla povertà, le quali non possono essere disgiunte da quelle di carattere macroeconomico”. Nel suo nuovo ruolo potrà continuare lo sviluppo di ciò che ha iniziato e sperimentare le forme di un nuovo welfare.


Fiadda onlus | Via del Labaro 175 - 00188 Roma | tel/fax 06 45492150 | sms 331 9416873 | Codice Fiscale 95012690103
Sviluppatore: Luciano Ferraro - Area Privata