Logo Fiadda.it


Chi applicherà il Programma d’Azione sulla disabilità?

A chiederselo è la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), riferendosi all’importante atto approvato in febbraio dall’Osservatorio Nazionale sulla Condizione delle Persone con Disabilità. In tal senso, la stessa FISH, non appena la situazione politica e istituzionale sarà più definita, intende presentare come istanza prioritaria proprio l’attuazione di quel Programma d’Azione.

 

Fonte: superando.it - Ma chi applicherà concretamente il Programma d’Azione biennale per la promozione dei diritti e l’integrazione delle persone con disabilità, approvato il 12 febbraio - come avevamo riferito nelle scorse settimane – dall’Osservatorio Nazionale sulla Condizione delle Persone con Disabilità, istituito dalla Legge 18/09 di ratifica della Convenzione ONU?
A chiederselo, in una nota, è la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), sottolineando, come dichiara Pietro Barbieri, presidente della stessa, «la particolare importanza di quell’atto, per le persone con disabilità e le loro famiglie, un documento attorno al quale vi è stato realmente un confronto “storico” fra diverse esperienze, professionalità, associazioni ed enti».

 

È quindi lo stesso Barbieri a lanciare un appello al prossimo Governo, chiedendo che «quel lavoro non vada assolutamente disperso e rappresenti anzi la dorsale delle future politiche sociali per le persone con disabilità e per la loro inclusione». Infatti, conclude il Presidente della FISH, «senza un’assunzione di impegni e di concretezze, quello della disabilità rischia di restare un tema secondario e residuale nell’agenda politica futura».
In tal senso, quindi, non appena la situazione politica e istituzionale avrà assunto contorni maggiormente definiti, la Federazione intende presentare come istanza prioritaria proprio l’attuazione del Programma d’Azione. (S.B.)

 

 


 

Disabilità: approvato il Programma di azione

 

Il Programma di azione è stato elaborato dall’Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità, istituito dalla stessa Legge 18/2009, che lo ha definitivamente approvato in seduta plenaria il 12 febbraio scorso. Il testo approvato sarà adottato con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, sentita la Conferenza unificata, che si esprime entro trenta giorni, e previa deliberazione del Consiglio dei Ministri.

Si tratta di un atto che, per la sua ampiezza e profondità, è particolarmente importante per le persone con disabilità e le loro famiglie. – commenta Pietro Barbieri, presidente della Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap – È un documento attorno al quale vi è stato un confronto ‘storico’ fra diverse esperienze, professionalità, associazioni, enti.”

Ma chi applicherà concretamente quel Programma? “Su questo non possiamo che lanciare un appello al prossimo Esecutivo: questo lavoro non vada disperso e rappresenti la dorsale delle future politiche sociali per le persone con disabilità e per la loro inclusione. Senza un’assunzione di impegni e di concretezze, quello della disabilità rischia di restare un tema secondario e residuale nell’agenda politica futura.”


Non appena la situazione politica e istituzionale avrà assunto contorni maggiormente definiti, la FISH presenterà come istanza prioritaria l’attuazione del Programma di azione.

 

Scarica il testo del Programma d’azione biennale per la promozione dei diritti e l’integrazione delle persone con disabilità (pdf)


Fiadda onlus | Via del Labaro 175 - 00188 Roma | tel/fax 06 45492150 | sms 331 9416873 | Codice Fiscale 95012690103
Sviluppatore: Luciano Ferraro - Area Privata