Logo Fiadda.it


Parità uomo-donna, Italia all'80° posto. E con la disabilità va ancora peggio. "Basta discriminazioni!"

Secondo il Global gender gap report 2012, lo studio sulla disuguaglianza di genere a livello mondiale elaborato annualmente dal World economic forum, “l’Italia si colloca all’80° posto nella classifica planetaria della parità donna-uomo. C’è ancora una forte rigidità nell’associare i ruoli sociali al genere di appartenenza. E questo solitamente penalizza le donne, anche quelle disabili, soggette a discriminazione anche per la loro disabilità, il che le pone in posizione di svantaggio rispetto a chi (uomo o donna) non è disabile, ma anche rispetto agli uomini svantaggiati ‘solo’ per il fatto di essere disabili”. Lo evidenzia Simona Lancioni, sposata con un partner disabile e membro fin dalla sua costituzione, nel 1998, del Coordinamento del Gruppo donne Uildm (Unione italiana lotta alla distrofia muscolare, www.uildm.org/gruppodonne). Interpellata nell’inchiesta del mensile “SuperAbile Magazine”, edito dall’Inail, sul numero di marzo che anticipiamo su Redattore Sociale.

 

 

Fonte: redattoresocaile.it - Il Gruppo donne Uildm punta alla formazione e all’informazioni di genere, formato da volontarie non solo disabili. “Penso sia un valore aggiunto: se ciò che si vuol promuovere è l’inclusione, quale miglior modo che praticarla? Un bell’esempio di solidarietà tra donne al di là delle differenze che mi consente di coniugare due miei interessi: quello per la condizione femminile e quello di chi con la disabilità si confronta quotidianamente da 20 anni”.
A volte Simona viene “scambiata” al telefono per una persona disabile: “Quando chiarisco che non lo sono, alcuni si scusano come se fosse un’offesa. Anche questi episodi dimostrano che le persone con disabilità sono guardate in modo differente, che talora si traduce in discriminazione. Quelle scuse non esprimono solo un pregiudizio negativo riguardo alla disabilità: l’idea che ci facciamo delle cose incide sui nostri comportamenti molto più della realtà stessa”. L’obiettivo primario del Gruppo donne Uildm è proprio questo: suscitare un dibattito e un cambiamento culturale a riguardo.

“Siamo diventate un punto di riferimento per coloro che cercano informazioni sul tema ‘donne e disabilità”. Siamo costanti e mettiamo a disposizione gratuitamente tutto il nostro lavoro di documentazione. Lo scorso anno l’associazione culturale e compagnia teatrale ‘Decima Musa Caravaggio’ (Bergamo) ci ha assegnato il premio omonimo 2011 per il nostro lavoro e impegno contro la violenza sulle donne”. Certo, i margini di miglioramento non mancano: “Si potrebbero promuovere campagne di comunicazione mirate e approfondire maggiormente aspetti specifici, cercando di coinvolgere gruppi femminili e quelli che si occupano specificamente di donne disabili”, ammette Simona. Una discriminazione ancora nell’ombra da segnalare? “L’accesso ai servizi di ginecologia e ostetricia che spesso, per le donne con disabilità, è molto problematico: un tema poco conosciuto e sottovalutato”. Il diritto alla salute viene condizionato dall’accessibilità e la discriminazione può palesarsi, per esempio, quando per una mammografia e un pap test non si trovano strumenti diagnostici adeguati per chi ha problemi di mobilità o di equilibrio.

Concorda Annalisa Benedetti, dal 2000 nel Coordinamento: “Non è contemplato che una donna disabile possa piacere, suscitare desiderio e avere rapporti sessuali, relazioni sentimentali, essere madre. Siamo perciò convinte che nell’immaginario collettivo non esista nemmeno il binomio ‘donna disabile-violenza’. Sarebbe un paradosso: esseri considerati privi di interesse sessuale che possono subire abusi in tal senso. Invece accade: le donne con disabilità non soltanto non sono escluse dalle forme di violenza che colpiscono il genere femminile, ma restano vittime completamente invisibili dei soprusi che si consumano tutti i giorni tra le mura domestiche e in ogni contesto sociale”. (lab)

Scarica e leggi gli articoli del numero di marzo di “SuperAbile Magazine”


(tag nazionale | diritti) 07/03/2013
Fiadda onlus | Via del Labaro 175 - 00188 Roma | tel/fax 06 45492150 | sms 331 9416873 | Codice Fiscale 95012690103
Sviluppatore: Luciano Ferraro - Area Privata