Logo Fiadda.it


Parte il censimento del Terzo Settore

casella barrataDal 10 settembre alle 15 le 475 mila non profit, il doppio rispetto all'ultimo rilevamento, possono inviare il questionario via internet all'Istituto

di Francesco Agresti

 


Le organizzazioni coinvolte sono circa 475 mila, quasi il doppio rispetto alle 235 mila del precedente censimento. Sono divise in associazioni culturali, sportive e ricreative, cooperative sociali, fondazioni, enti ecclesiastici, organizzazioni di volontariato, organizzazioni non governative, sindacati, istituzioni di studio e ricerca, di formazione, mutualistiche e sanitarie.
«Lo scopo della rilevazione», ha spiegato stamattina nel corso della presentazione il presidente dell’Istat, Enrico Giovannini, «è di fornire una rappresentazione statistica ufficiale, aggiornata e affidabile del settore non profit in Italia e del contributo che fornisce allo sviluppo economico e sociale del Paese». Il censimento, che scatterà una foto aggiornata al 31 dicembre 2011, introduce novità di contenuto, con l’inserimento di nuovi quesiti sulla struttura organizzativa, le reti di relazioni, l’ambito territoriale di riferimento, le risorse umane, il settore di attività, la tipologia di utenza, gli strumenti di comunicazione e le modalità di raccolta dei fondi.
Già dalla lista precensuaria, messa a punto in collaborazione con il Forum del Terzo settore, sono emerse indicazioni interessanti sul modo in cui è strutturato l’universo del non profit in Italia. La maggioranza delle istituzioni è rappresentata da associazioni (79%), cooperative sociali (4%), organizzazioni di volontariato (3,1%), istituzioni di rappresentanza (3%).
Dal punto di vista territoriale in Lombardia risiede il 14% delle realtà precensite, seguita da Lazio, Veneto, Piemonte, Emilia Romagna e Sicilia. «Un’opportunità – ha sottolineato il portavoce del Forum del Terzo settore, Andrea Olivero – utile per far conoscere un fenomeno complesso e ricco che vive ancora in un cono d’ombra. AbbiAmo bisogno di far conoscere i nostri numeri, il nostro lavoro, i nostri valori e le ricadute economiche e sociali che siamo in grado di generare. Un lavoro indispensabile affinché il Terzo settore possa essere letto per quello che è e per il ruolo che ha nello sviluppo del Paese».
La spedizione dei questionari è partita il 3 settembre e si concluderà il 14.

Le organizzazioni possono inviare il questionario anche via Internet sul sito dedicato.

 


(tag nazionale) 12/09/2012
Fiadda onlus | Via del Labaro 175 - 00188 Roma | tel/fax 06 45492150 | sms 331 9416873 | Codice Fiscale 95012690103
Sviluppatore: Luciano Ferraro - Area Privata